bn1.jpgbn2.jpg

Fruizione

Gli insegnanti sono di solito sottoposti ad un fuoco incrociato. Da una parte li si bombarda con discorsi dichiarativi densi di ingiunzioni e prescrizioni pedagogiche, dall’altra li si lusinga con vere e proprie ricette didattiche. Nel primo caso si incorre spesso in un doppio paradosso, perché i contenuti di ingiunzioni e prescrizioni confliggono con la loro stessa forma, come succede nella frase <Devi essere  libero!>. Ma anche perché la forma dichiarativa non assicura in alcun modo l’assimilazione e la traduzione dei principi enunciati in comportamenti agiti.

Nel secondo caso le ricette didattiche non soddisfano il vero bisogno dell’insegnante, che è quello di saper “inventare” contesti formativi funzionali ai bisogni formativi della classe e spesso dei singoli studenti che ha di fronte e che cambiano di anno in anno e a volte perfino di giorno in giorno.

Per sentirsi motivati ad affacciarsi sul nuovo orizzonte didattico in cui li si ingiunge ad avventurarsi dovrebbero almeno scorgerne concretamente la forma. E il discorso dichiarativo non serve allo scopo. Le ricette didattiche, poi, sono scappatoie momentanee. E allora che fare ?

Appassionata Mente propone non un aggiornamento ma un percorso di formazione che si configura come l’immersione in un’esperienza laboratoriale che permetta di assaggiarne la metodologia. Per questo il Gruppo Appassionata Mente, all’inizio del suo percorso formativo, ha fatto esperienza di 4 laboratori (L’ascolto, La memoria, Identità singolare o plurale?, Le radici corporee del segno) ideati e condotti da Ortensia Mele. I laboratori, della durata di 8 ore ciascuno erano realizzati con cadenza mensile (un sabato al mese per 4 mesi). Questa esperienza ha stimolato alcune partecipanti, Teresa Onesti, Tiziana Gasperi, Michela Lanciani e Isabella Moretti, a proporre al Gruppo un laboratorio da loro ideato e condotto, Nel labirinto dei 5 sensi. A questo primo anno di formazione ha fatto seguito, negli anni successivi, l’intenso lavoro di ricerca/azione che ha visto il Gruppo impegnato nell’ideazione, realizzazione, sperimentazione, verifica e nuova sperimentazione di una serie di laboratori, tutti documentati nel sito, rivolti ad alunni, insegnanti e genitori. Tale attività, svolta dal Gruppo con crescente autonomia, è stata accompagnata sia da accurati bilanci dell’esperienza, sia da un’intensa riflessione teorica, sia da iniziative sul territorio come la partecipazione al settembre pedagogico di Pisa e la organizzazione di convegni promossi allo scopo di verificare la validità delle proposte formative e di stabilire un confronto con altre realtà educative.

Joomla templates by a4joomla